CARLO FERRARIO - FOCUS ON
Il punto sul campionati di C Gold con Carlo Ferrario

by Carlo Ferrario
martedì 19 novembre 2019
Tre è il numero perfetto, da sempre.
Tre sono anche le squadre in testa in entrambi i gironi, perché nell’ultimo weekend di C Gold non sono mancati i colpi di scena e, soprattutto, non sono mancati i cambiamenti in classifica.
E’ arrivata anche la prima vittoria per Cernusco, contro Andrea Michelori e compagni, con quest’ultimo che ha messo nero su bianco una prova da 15 punti, 12 rimbalzi e 10 falli subiti, per 34 di valutazione.
Le altre squadre in fondo alle due classifiche non sono state in grado di sbloccarsi e, dopo 8 turni di campionato, tutto si fa più complesso.

DUELLO ATIPICO
Pizzighettone e Sansebasket, vicine geograficamente, vicine in classifica.
La scorsa settimana abbiamo parlato di Lugic e Trunic, i due Lazar del girone est che stanno facendo la differenza per le loro squadre, qualcosa che ci si aspettava di vedere anche nella sfida al vertice. Alla sirena finale, il tabellino dei due ha parlato molto chiaro.
Lugic ha concluso con 5 punti, 6 rimbalzi e 2 assist, per 2 di valutazione.
Trunic con 9 punti, 3 rimbalzi e un assist, per un misero 1 di valutazione.
Le statistiche non sono tutto, ma di sicuro ci si aspettava qualcosa di più da parte di questi due elementi e, anche in relazione a questo, le squadre hanno reagito in modo diverso.
Perché se Pizzighettone si è compattata, grazie al gruppo e ad alcune prove di livello, Sansebasket ha incontrato non poche difficoltà dal punto di vista realizzativo, senza avere uomini in doppia cifra e concludendo il terzo periodo di gioco avendo segnato solo 38 punti.
Da sottolineare, senza alcun dubbio, l’apporto di Emanuele Gerli. Il classe ’90 ha chiuso con 13 punti, 5 rimbalzi e 5 palle recuperate, assicurando grande solidità e prendendosi responsabilità di un certo tipo.
Ora, oltre a Sansebasket e Pizzighettone, la prima piazza appartiene anche alla Pallacanestro Gardonese, con Virtus Lumezzane e Milano3 ad una sola vittoria di distacco.

LA LEADERSHIP DI MARINO’
La parte alta della graduatoria, ad ovest, è invece occupata dal terzetto composto da Busto Arsizio, Saronno e Lissone. I ragazzi di coach Fumagalli si sono comportati molto bene in quel di Legnano, conquistando un’altra vittoria, anche grazie ad ottime percentuali dalla lunga distanza.
La coppia Marinò/Fiorito è una delle miglior del campionato, come potenziale ed impatto effettivo.
Se il secondo si dimostra sempre mortifero dalla distanza, il primo abbina la grande leadership nel corso dei 40 minuti a giocate prendendosi la squadra sulle spalle.
Per lui, contro Legnano, un tabellino da MVP: 31 punti, 8 assist e 6 rimbalzi, per 34 di valutazione (6/13 da tre punti).
Nonostante un arbitraggio particolare, che ha scatenato il nervosismo dell’ambiente legnanese, la vittoria di Lissone è stata meritata, con diversi giocatori in grande fiducia che hanno risposto presente quando chiamati in causa.
La giornata di riposo della Hydrotherm ha permesso sia a Saronno che alla stessa Lissone di centrare il primo posto in coabitazione e, più in generale, rispecchiando quelle che sono le gerarchie del girone ovest.

LA MALEDIZIONE DI VIA PARMA
Un’altra sconfitta, un altro ko tra le mura amiche.
La stagione dei Knights vive di alti e bassi, con i secondi che caratterizzano le prestazioni casalinghe degli uomini di coach Saini. Ancora zero i punti conquistati in casa, statistica tanto curiosa quanto preoccupante, anche se alcuni passi avanti si sono visti.
Il gioco proposto nella prima parte di gara ha avuto poco a che fare con ciò che si è visto contro Saronno e Cantù, nonostante rotazioni quasi obbligate, a causa degli infortuni, e prestazioni sotto la media da parte di alcuni elementi fondamentali dei Knights.
Davide Speronello sta crescendo, come testimoniato dai suoi 17 punti e 8 rimbalzi, oltre ai 3 assist distribuiti, ed il suo talento sarà ossigeno puro per una squadra che ha pochi punti di riferimento dal punto di vista realizzativo.
L’intensità in allenamento sta crescendo costantemente, ma la concentrazione nei momenti più complessi della gara lascia francamente a desiderare, ed è proprio da qui che passa il cambi io di marcia che ci si aspetta da Legnano. Sabato ci sarà la possibilità di sfatare questo tabù e cogliere i primi 2 punti in casa, lavando via in parte l’amarezza dell’ultima sconfitta, di fronte a buona parte del settore giovanile e ai tanti tifosi accorsi per sostenere una società che di tradizione ne ha da vendere.




PARTNERS


SITE MAP
CREDITS
Copyright 2015 Legnano Basket Knights Powered by Torre Informatica srl